Bagno sonoro

Un bagno sonoro apre al partecipante una porta verso i paesaggi dell’inconscio, presenti in tutti noi e che aspettano di essere toccati ed attraversati. In questa serata verranno utilizzati alcuni particolari strumenti come le Campane di cristallo al quarzo, il tamburo sciamanico, il gong, il bastone della pioggia e l’ukulele.
Un’ iniziale passaggio dalla meditazione per lasciare che la mente si liberi e lasci uno spazio di accoglienza alle particolari sonorità che progressivamente andranno a sciogliere tensioni e blocchi energetici fino a creare uno stato di rilassamento meditativo e di nuove intuizioni.

Campane di cristallo
Le sonorità emesse dalle Campane di Cristallo si estendono per tutta l’ottava musicale, quindi queste vibrazioni che si fanno melodie riequilibrano i nostri chakra. Ogni campana da una specifica nota e vibrazione che lavora e scioglie i blocchi energetici in ognuno dei sette Chakra e ci permettono ri-armonizzarci corpo-mente-spirito ( ma anche a livello cellulare ). .

Il Gong
Strumento antico, originario della Cina. Ci viene tramandato di come uomini di fede dell’antichità lo usassero come strumento di meditazione. Inoltre considerato strumento benefico che porta buoni auspici e lunghi periodi di positività.

Tamburo sciamanico
Questo tipo di tamburo ci accompagna nei luoghi di potere interiori. Il suo suono tocca luoghi di guarigione e fa aprire il cuore ( il quarto chakra ). Il tamburo sciamanico si collega anche all’elemento terra, infonde fiducia. Questa vibrazione ci ricorda le nostre origini e ci ricollega al barrito del nostro cuore.

Bastone della pioggia
Strumento a percussione indiretta, con origini dall’America centro-meridionale e dall’Africa. Originariamente ricavato da un tronco di cactus essicato e riempito da conchiglie e pietruzze, poi sigillato alle estremità. Strumento altamente evocativo che va a rilassare e creare un naturale stato di benessere mentale.

La serata sarà condotta da Maurizio Cito, master Reiki – musicista ed appassionato di nuove sonorità e di lavori energetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *